PIERPAOLO MICCOLIS

Dama Bianca, tecnica mista, 50×70, 2020

Dama turchese, tecnica mista, 55×68 cm, 2020
Dame verdi, tecnica mista, 57,5×78 cm, 2020

Aldous Huxley, Le porte della percezione
Interpretato da Valeria de Santis



Pierpaolo Miccolis inizia la sua formazione diplomandosi in Tecnico e Stilista di moda e prosegue laureandosi presso l’Accademia di Belle Arti di Bari. Nelle sue opere spazia dall’installazione alla fotografia ma predilige le tecniche pittoriche realizzando opere in serie, di piccolo o enorme formato, ad acquarello su carta, che diventano spesso fotogrammi di un’unica e ironica, erotica e non di rado tragica narrazione.. Le sue ultime sperimentazioni sono il frutto di una ricerca antropologica, basate sullo studio dei riti esoterici praticati sul territorio in cui l’artista attualmente opera. Ha partecipato a numerose esposizioni collettive e personali in gallerie e musei in Italia e all’estero e alcuni lavori fanno parte della collezione permanente della Fondazione Museo Pino Pascali di Polignano a Mare. Tra gli eventi più rilevanti a cui Miccolis ha partecipato ci sono una personale ad Artefiera di Bologna, curata da Simona Gavioli e la Biennale di Penne, che ha raccolto l’ultima generazione di artisti presenti sul territorio italiano che lavorano con la pittura. Nel 2014 Pierpaolo Miccolis è stato protagonista di “Contronatura”, il cortometraggio di Alessandro Piva, incentrato sul rapporto tra l’artista, le sue opere e il territorio circostante. Nel 2015 un acquerello di Miccolis è stato scelto come copertina del saggio di Teodoro Custodero, dal titolo “Pensieri superflui sullo spirito ai tempi di Facebook”, Pietre Vive Editore.