GIANMARIA GIANNETTI

 

 

Orsetto angelo non piangere per favore, smalto, colle, racchetta da tennis, appendiabiti e matite su legno, 90x126x10cm, 2020

 

 

Dettaglio

Gabriel García Márquez, Un signore molto vecchio con certe ali enormi
Interpretato da Gabriella Birardi Mazzone 

Gianmaria Giannetti
1974: Nasce a Milano.
1977: Si trasferisce in Liguria, a Finale Ligure (SV).
1983 (circa): Inizia con la poesia e realizza le prime opere. (Silicone, fiori e sabbia).
1994: Torna a Milano e studia Filosofia all’Università Statale.
1999: prima esposizione a cura di Michelangelo Jr.
Conosce Andrea G. Pinketts.
2000: Si laurea a Milano in Filosofia Estetica con Massimo Carbone.
2001: Performance poetica con Benedetto Vicini.
Mostra Duel con la Galleria Arte Bersani di Finale Ligure (SV).
2003: Vince a Roma uno Slam Poetry organizzato da Tomaso Binga che gli consentirà di pubblicare il suo primo lavoro poetico.
2003: esce il suo primo lavoro poetico, escatologia (di una piuma), con testi critici di Andrea G. Pinketts e Dino Carlesi.
2004-2005: Espone a Venezia, Flash Art Fair, a Nizza alla Camera di Commercio e a New York.
2006: Espone a Milano alla storica Libreria Bocca. Esce la sua prima monografia edita da Silvana Editoriale a cura di Ivan Quaroni; e con contributi critici di Rossana Campo.
Conosce Maurizio Sciaccaluga.
Esce il suo secondo lavoro poetico: Appunti di un terrestre (Giulio Perrone Editore).
Settembre 2006: si sposa con la poetessa Florinda Fusco.
Marzo 2007: Mostra personale a cura di M. Sciaccaluga a Palo del Colle alla Galleria Asilo dei Grandi.
Aprile 2007: Maurizio Sciaccaluga invita Giannetti alla mostra di Palazzo Reale di Milano; mostra dedicata all’arte Italiana dal 1968 al 2007 tra gli invitati c’è anche anche Maurizio Cattelan.
Viene invitato ad esporre a Dubai alla Galleria NuovoMondo ma i temi trattati da Giannetti (polli sgozzati, polli religiosi, polli fascisti) non vengono accettati dalla comunità araba.
Giugno 2007: a soli 44 anni Maurizio Sciaccaluga muore prematuramente e quindi i progetti sono sospesi.
Luglio 2008: nasce il suo primo figlio Gabriele.
2008: Giannetti espone a Genova, Arezzo, Museo Casa del Console (Calice Ligure), e partecipa alla XIII Biennale dei Giovani dell’Europa e del Mediterraneo.
2008/2010: Inizio delle prime performance/ dove Giannetti si maschera da coniglio e si trucca da sua nonna, (ad esempio).
Espone a Ostuni, Bari, Moena, Trento, Verona, Milano. Partecipa a Festival Internazionali (Parigi, Istambul, Roma).
Maggio 2010: nasce il suo secondo figlio Ismaele.
2011: Viene invitato alla 54 Biennale di Venezia (padiglione Puglia) a cura di Vittorio Sgarbi.
Vince a Cannes la Palma d’oro per l’arte contemporanea sotto il patrocinio di Marina Picasso.
2012-2013: si susseguono mostre nazionali e internazionali e Fiere d’arte contemporanea.
2014: Esce il nuovo lavoro poetico, Il vuoto del Rinoceronte edito da Pietre Vive Editore, finalista al Premio Pagliarani.
2014/2015: Espone per la prima volta i suoi video (hilarotragici) in ambiti museali: in Albania, in Montenegro, in Croazia, ai Magazzini del sale di Venezia e alla Fondazione Pino Pascali di Polignano a Mare, a cura di Roberto Lacarbonara e Antonio Frugis.
2016/2017: Continua l’attività espositiva in fiere Internazionali e nazionali, mostre personali e collettive.
2018: Viene invitato a Lecce da kunstschau_Contemporary Place a realizzare una performance. Giannetti realizza: Altalena tutto attaccato, dove Giannetti vestito da Charlie Chaplin in un garage/bosco iperrealista e fantastico aspetta forse che il pesciolino rosso posizionato sull’altalena inizi a parlare con lui. La mostra è a cura di Mariagrazia De Giorgi.
www.kunstschau.it
2019: Esce il suo nuovo lavoro poetico + disegni, Zanzara meno Tennis edito da Pietre Vive Editore.